Cancro al Seno: un aiuto dall’Albero del Curry

Un recente studio di un istituto di ricerca indiano ha messo in evidenza le proprietà antitumorali delle foglie dell’albero del curry. In particolare per i casi di cancro al seno, pare che una nuova strada terapica possa essere intrapresa proprio grazie alla pianta di questa spezia così diffusa.

 

La ricerca indiana per combattere il cancro al seno

Il National Institute of Nutrition è un prestigioso centro di ricerca situato a Hyderabad, in India. È recentemente giunto alla ribalta internazionale grazie ad un esperimento condotto su cellule tumorali prelevate da donne affette da cancro al seno, esperimento che aveva come protagonista l’estratto di foglie da albero del curry.

Il fatto che il curry sia una spezia basilare per la cucina indiana deve aver ispirato questi ricercatori, che hanno voluto indagare se mediante i principi attivi estratti da tale pianta si potessero riscontrare miglioramenti nella risposta immunitaria dell’organismo femminile attaccato da cancro al seno. L’esito di questa indagine è stato positivo.

I polifenoli presenti nelle foglie dell’albero del curry bloccano la proliferazione delle cellule tumorali grazie all’azione esercitata sul proteasoma 26 S; il proteasoma 26 S è un complesso multiproteico coinvolto nel ciclo di vita delle cellule, sia di quelle sane che di quelle che costituiscono il cancro al seno. Ebbene gli estratti della pianta del curry inibiscono l’attività di questo complesso multiproteico, ma non relativamente a tutte le cellule, bensì solo rispetto alle cellule tumorali.

 

Possibili risvolti sul legame tra albero del curry e cancro al seno

La grande scoperta che potrebbe celarsi dietro questo studio dei ricercatori indiani è rappresentata dal fatto che i principi attivi estratti dall’albero del curry agiscano in modo intelligente. La loro azione, cioè, non è cieca, come quella di molti farmaci chemioterapici o di molti antibiotici, ma mirata: uccidono solamente le cellule del cancro al seno, e non anche quelle sane.

La capacità inibitoria delle foglie dell’albero del curry sull’attività del proteasoma 26 S delle cellule del cancro al seno sarà dunque al centro di molti nuovi studi. Andranno innanzitutto individuati con precisione quali principi attivi del curry mostrano queste benefiche proprietà, ed in seguito si potrà anche indagare l’eventualità che tali agenti antitumorali possano essere efficaci non solo nei casi di cancro al seno ma anche di altri tumori.